Foro di Nerva o Foro Transitorio Roma

Indice:
  1. La storia del Foro di Nerva o Foro Transitorio
  2. Come arrivare al Foro di Nerva o Foro Transitorio



La storia del Foro di Nerva o Foro Transitorio

Domiziano pensò di unire i complessi preesistenti e nell’area ancora libera tra il Tempio della Pace e i Fori di Cesare e di Augusto edificò una piazza monumentale per metterli in comunicazione tra di loro.

Lo spazio ristretto, parzialmente invaso dalla sporgenza di una delle esedre del Foro di Augusto e dove doveva essere conservato il passaggio della via dell’Argileto, lo indussero a limitare i portici laterali ad un più semplice ornamento dei muri perimetrali.
Il tempio, offerto alla dea Minerva sua protettrice, fu accostato all’esterno dell’esedra del Foro di Augusto e l’area restante impiegata per un vasto ingresso monumentale (la Porticus Absidata).

Il decesso di Domiziano, causato da un complotto, fece sì che il nuovo complesso, già quasi portato a termine, fosse inaugurato da Nerva, suo successore, dal quale prese il nome di Foro di Nerva.

È noto anche come Foro Transitorio a causa del compito di passaggio che aveva mantenuto succedendo all’Argileto.

Come arrivare al Foro di Nerva o Foro Transitorio


Potrebbe interessarti anche:

Marcello D'Altri

Sulla cresta del web dal lontano 2000, ha sviluppato numerosi portali tursitici e realizzato centinaia di website in tutt’Italia.
Si occupa anche di Grafica e design mentre nel tempo libero si diletta col giardinaggio, ma dovrebbe iniziare a prendere in considerazione l’idea di non essere tanto bravo.
Nato a Cesena nel 1961 Risiede ad Albenga.
Marcello D'Altri

Latest posts by Marcello D'Altri (see all)